Come vengono ottimizzati i contenuti SEO

I contenuti SEO hanno un ruolo fondamentale per il posizionamento di un sito. Se da un lato devono essere interessanti per l’utente, dall’altro devono piacere anche a Google.

I contenuti SEO rivestono un ruolo fondamentale nell’economia di sito web: ma come devono essere ottimizzati per piacere anche a Google?

Nell’articolo precedente ti abbiamo spiegato come funziona la SEO e come ragiona il più grande motore di ricerca al mondo. In questo post, ti parliamo di un altro aspetto molto importante per posizionare il tuo sito ai vertici della SERP: i contenuti.

Per guadagnare i primi posti della SERP è necessario scrivere contenuti utili, interessanti e pertinenti alle keywords con cui vogliamo farci trovare. Questo significa che ogni contenuto deve includere una o più keywords.

L’utilizzo delle keywords però non dev’essere massivo. Google infatti è in grado di riconoscere i tranelli e penalizzare i contenuti testuali che dovessero risultare forzati o artificiosi (peggio ancora se copiati!).

Per piacere al motore di ricerca, i contenuti devono essere originali. L’algoritmo di Google è talmente evoluto che è in grado di “leggere” il testo, carpirne il significato ed attribuirgli un punteggio di qualità e pertinenza rispetto alla query.

L’arte di combinare SEO e scrittura è denominata SEO Copywriting. Perciò, se non sei capace di scrivere contenuti SEO è meglio affidarsi a uno specialista del mestiere.

Altro aspetto di fondamentale importanza per i contenuti e per la SEO sono i link, in particolare quelli che portano al proprio sito. Google premia i siti e le pagine web che sono linkati più spesso. Infatti, i link sono interpretati dal motore di ricerca come una preferenza, un voto positivo.

Va detto, che in merito ai link, Google non valuta soltanto la quantità, ma soprattutto la pertinenza e la provenienza. Questo significa che se il link ricevuto arriva da una pagina autorevole avrà un valore maggiore rispetto a un link che arriva da una pagina poco conosciuta. E ancor di più, se il sito di provenienza è affine per argomento trattato.

Tuttavia, come per le keywords, anche per i link Google è molto severo.

I link infatti devono essere naturali, basati su interesse e affinità. Tecniche di link building, dove i link sono stati acquisiti in modo poco ortodosso vengono drasticamente penalizzate dal motore di ricerca. Quindi, in campana!

Arrivati a questo punto, ora passiamo agli obiettivi SEO, in relazione ad altri strumenti del digital marketing.

L’appuntamento è alla prossima settimana con l’ultimo articolo di questa serie.

A presto!

Condividi quest'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

SERVIZIALTRARETE

PROMONEWS

RESTAURO SITO WEB

perché rifare tutto da capo quando il sito si può rinnovare?

HOSTING WORDPRESS GESTITO

Il nuovo hosting fatto di persone.

Gli ultimi pubblicati…

Vuoi raccontare la tua storia? Contattaci.